Loading ...

La Cantina

L'Azienda

L'azienda agricola CANTINA MOSPARONE nasce a fine del 2008 dalla passione per i vini di qualità dei due titolari, Simonetta Boschetti e Fabrizio Ghebbano. Ubicata a cavallo delle colline che fanno da spartiacque tra i comuni di Castelnuovo don Bosco e Pino d'Asti, l'azienda copre una superficie di circa 16 ettari di cui 10 coltivati a vigneto.

I terreni

La composizione dei terreni, genericamente conosciuti come "marne grigioazzurre" o "terre bianche", la loro esposizione e l'altitudine media intorno ai 400 mt slm che consente una buona alternanza di caldo di giorno e fresco di notte, oltre ad una attenta gestione delle vigne, portano alla produzione di un'uva che darà vita a vini di grande struttura ed eleganti profumi. Fin da subito l'azienda vuole caratterizzarsi per vini di alta qualità, molto legati al territorio ed alla tradizione vinicola locale. Dopo un anno passato a ristrutturare i vigneti sotto la guida di un esperto agronomo specializzato in viticultura al fine di migliorare la qualità già in vigna, nel 2009 inizia la vinificazione dei propri vini sotto la supervisione dall'enologo dott. Mario Ronco.

Guide

  • VINIBUONI D'ITALIA 2014
    Albugnano 2009: "Vini da non perdere"
  • LUCA MARONI ANNUARIO DEI MIGLIORI VINI ITALIANI 2014
    Albugnano 2009: 89/100 "...per massa e suadenza, un gran vino"
  • I VINI DI VERONELLI 2014
    Albugnano 2009: 89/100
    Freisa 2009: 89/100

I Vini

Per la vinificazione dei nostri vini rossi ci avvaliamo di vinificatori particolari, in grado di effettuare i rimontaggi senza ausilio di mezzi meccanici ma sfruttando la pressione dell'anidride carbonica generata naturalmente durante la fermentazione.

Questo sistema di rimontaggio risulta meno stressante e consente di non danneggiare le bucce e i vinaccioli, ottenendo così una migliore estrazione del colore e tannini più morbidi.

ALBUGNANO SUPERIORE DOC

terroir

Le vigne di nebbiolo che usiamo per la produzione del nostro ALBUGNANO sono piantate su terreni superficiali, come la maggior parte degli aerali di coltivazione della doc, che però presentano reazioni sub-alcaline ed importante struttura, inusuali per gli altri terreni della zona. Tra gli elementi di cui il terreno è composto trova grande spazio il calcio proveniente dalla roccia madre sottostante.
L’esposizione a mezzogiorno e la costante ed equilibrata disponibilità idrica, consentono alle bacche di raggiungere il massimo livello di maturazione.
Il nostro ALBUGNANO SUPERIORE viene prodotto in purezza con le uve nebbiolo accuratamente selezionate tra le migliori prodotte in azienda.
Viene affinato 24 mesi in botte di rovere francese di grande capacità (25/30 ettolitri) ed almeno altri 12 mesi in bottiglia prima della sua commercializzazione.

Scheda tecnica

ALBUGNANO DOC

terroir

Per la realizzazione del nostro ALBUGNANO utilizziamo le uve più grasse e giovani provenienti dalle nostre vigne. Rispetto al fratello maggiore SUPERIORE avrà quindi profumi più marcati di frutti rossi, una struttura leggermente meno importante ma comunque un corpo pieno e rotondo.

Subisce un breve affinamento, dai sei agli otto mesi, in botti di capacità minima di 25 ettolitri prima di venire imbottigliato. Riposa in bottiglia circa sei mesi prima di essere messo in commercio.

Scheda tecnica

FREISA D'ASTI SUPERIORE DOC

terroir

Le uve utilizzate per produrre in nostro FREISA D’ASTI SUPERIORE provengono dalle vigne più vecchie presenti in azienda, tra i 40 ed i 50 anni di età, ed esposte completamente a sud. Il terreno presenta un’abbondante percentuale di scheletro che impedisce l’accumulo ed i conseguenti microclimi umidi. Il Freisa, e questo i vecchi viticoltori lo sapevano bene, trova in questa tipologia di suoli e di clima le condizioni ottimali per esprimere al meglio le qualità del vitigno e garantire i livelli qualitativi ricercati. La bassa resa dovuta all’età delle viti contribuisce ad elevare la qualità e gli aromi delle uve.
Parente stretto del nebbiolo ma con tannini decisamente più marcati il freisa è un vino che si presta ottimamente ai lunghi invecchiamenti che gli consentiranno di raggiungere una grande morbidezza mantenendo inalterati corpo e bouquet.
Il nostro Freisa d’Asti Superiore viene affinato per un periodo di 24 mesi in tonneaux di rovere francese da 700 litri di secondo o terzo passaggio in modo che il legno non prevarichi gli aromi del vino.
Viene successivamente lasciato riposare 12 mesi in bottiglia prima di essere posto in commercio.

Scheda tecnica

BARBERA D'ASTI DOC

terroir

Le uve che utilizziamo per produrre il BARBERA D’ASTI provengono da vigneti con esposizione sud-est che ci danno uve con contenuto zuccherino più basso ed una acidità più levata rispetto a quelle utilizzate per la varietà SUPERIORE.
Realizziamo quindi un vino più fresco, leggermente brioso (non mosso o frizzante), da bersi giovane a tutto pasto.

Scheda tecnica

PIEMONTE DOC BONARDA

terroir

L'areale di coltivazione, per l'originale tipicità dei suoli, ha dato origine, nell'ambito di questa Denominazione di Origine, ad una particolare ed apprezzata interpretazione del PIEMONTE BONARDA.
Tra i terreni coltivati dall'azienda affiorano antichi sedimenti marini che condizionano in misura importante i risultati conseguiti con questa varietà. Il terreno si presenta in questi casi poco profondo e con una elevata frazione limosa.

Anche il suo colore cambia, tanto da farlo ricadere nella classificazione dei "suoli bianchi".
Per la reazione sub-alcalina, la povertà in azoto, la ricchezza in magnesio e la collocazione orografica elevata, questo terreno costituisce la miglior soluzione per la coltivazione del PIEMONTE BONARDA.
Al contrario della maggior parte del PIEMONTE BONARDA che si trova in commercio, frizzante e leggermente amabile, la nostra cantina lo vinifica fermo e secco.

Scheda tecnica

PIEMONTE DOC SAUVIGNON

terroir

Viene prodotto in un versante estremamente omogeneo nel quale i tipici affioramenti di substrato ed i repentini cambiamenti di profondità si interrompono. L’esposizione Sud Est, la collocazione a “mezza-costa” e l’area naturalmente protetta e riparata da correnti fredde, consentono di specializzare anno dopo anno la coltivazione attraverso il confronto dei risultati conseguiti. Il terreno è “Franco-sabbioso-limoso”, il calcare attivo risulta elevato e la reazione sub-alcalina. Elevatissima è la presenza di calcio, la collocazione orografica, l’esposizione e la pratica dell’inerbimento controllato dell’interfila, consente di rendere sempre disponibili per la coltura gli elementi nutrizionali di cui necessita e di proteggere il più possibile le viti dagli stress fisiologici portati da repentini cambiamenti climatici.

Scheda tecnica

GIAJET

terroir

È un Monferrato Bianco ottenuto dalla vinificazione di uve Favorita in purezza.

La vigna è stata impiantata in una delle migliori posizioni dell'azienda sia per esposizione che per caratteristiche del suolo in un versante estremamente omogeneo nel quale i tipici affioramenti di substrato ed i repentini cambiamenti di profondità si interrompono.

Presenta, a livello chimico, un ottimo equilibrio tra i macroelementi (Azoto, Fosforo e Potassio).

La sostanza organica, presente in bassa percentuale, risulta comunque stabile e viene costantemente arricchita tramite lo sfalcio del cotico erboso permanente e il rilascio in loco dei residui erbacei.

L'esposizione Sud/Sud-Ovest su un versante naturalmente protetto e riparato da correnti fredde, consente di specializzare anno dopo anno la coltivazione attraverso il confronto dei risultati conseguiti.

Scheda tecnica

NA FRISA

terroir

Nato in origine come prodotto medicinale, il vino chinato divenne presto anche un vino da bere in compagnia a fine pasto e da offrire agli ospiti di riguardo.

Gradito anche alle signore grazie alla sua non elevata alcolicità (rispetto ai distillati) cadde successivamente nell'oblio col cambiare delle mode.

Viene oggi riproposto con successo come vino da dessert che, grazie al gradevole contrasto dolce amaro, si abbina bene con la pasticceria secca ma sopratutto con del cioccolato extra-fondente.

Per realizzare il nostro vino chinato abbiamo scelto la nostra freisa a fine del periodo di invecchiamento per esaltare i profumi di fondo del vino base a cui vengono aggiunti infusi ed estratti di varie erbe tra le quali: la china calissaja, il rabarbaro, la genziana e l'arancio amaro.

Scheda tecnica

BARBERA D'ASTI SUPERIORE

terroir

I vitigni del BARBERA D’ASTI sono coltivati in un aerale caratterizzato da suoli sottili con un franco di coltivazione di 30/40 cm. Sono terreni “franco-limosi” con elevati valori in calcare totale e attivo. La maturazione delle uve, nell’area di produzione di questo vino, risente più che in altre zone della variabilità del clima tanto da rendere necessarie attenzioni tempestive e mirate da parte dell’uomo. In questi vigneti si è consentito l’insediamento di un cotico erboso permanente e spontaneo che ha ormai raggiunto un equilibrio competitivo con le radici delle viti.

Interpretando correttamente, via via che si presentano, gli eventi meteorologici e climatici delle singole annate, si riesce ad ottenere un prodotto di elevato pregio e personalità. Anche se già gradevole fin dia primi mesi dopo l’imbottigliamento esprime il suo meglio dopo 2/3 anni di riposo in bottiglia arrivando ad invecchiare, grazie alla grade struttura e grado alcolico, fino ai 10 anni.

Scheda tecnica

Contatti

Nome:

Email:

Telefono:

Messaggio:

Invia

Cantina MOSPARONE